Newsletter 263 -

Newsletter 263 -22/03/2022

DECRETO MIMS SU COLLEGIO CONSULTIVO TECNICO NELL’ALBO ASMEL ANCHE CARLEA, BOSETTI E CATALANO

Pubblicate in G.U. il 7 marzo scorso le Linee guida per l’applicazione da parte delle stazioni appaltanti delle funzioni del collegio consultivo tecnico e le modalità di nomina dell’istituendo Osservatorio sul monitoraggio degli stessi CCT. Come noto il Collegio Consultivo Tecnico mira alla prevenzione e, se del caso, alla risoluzione delle controversie e le Linee Guida servono a garantirne una rapida e omogenea applicazione da parte delle Stazioni Appaltanti. Le LG definiscono l’ambito d’applicazione del CCT e in particolare il carattere obbligatorio e facoltativo, nonché le modalità di costituzione e funzionamento e i requisiti professionali dei componenti. Anche per quanto riguarda gli appalti di lavori PNRR e/o PNC il ricorso obbligatorio alla costituzione del CCT riguarda i lavori di importo pari o superiore alle soglie UE, ai contratti misti, per la sola parte dei lavori che supera la soglia comunitaria, restando invece facoltativa per i lavori di importo inferiore alla soglia comunitaria. Per gli appalti di lavori PNRR è si sollecita la costituzione del CCT già nella fase antecedente all'affidamento del contratto, per risolvere problematiche tecniche o giuridiche di ogni natura, comprese le determinazioni delle caratteristiche delle opere, le clausole e condizioni del bando o della lettera di invito, nonché la verifica del possesso dei requisiti di partecipazione e dei criteri di selezione e di aggiudicazione. Per la prima fase i costi del CCT sono interamente a carico della Stazione Appaltante, mentre in fase esecutiva vengono ripartiti in misura pari al 50% su ciascuna parte. Il CCT è tenuto a fissare riunioni periodiche per rimanere informato sull’andamento dei lavori e a formulare osservazioni che la Stazione Appaltante dovrà trasmettere immediatamente al Consiglio superiore dei lavori pubblici ai fini del monitoraggio sul rispetto del cronoprogramma del PNRR. I Comuni soci ASMEL possono decidere di avvalersi dell’Albo Esperti anche per la nomina del Collegio Consultivo Tecnico con l’opportunità di individuare, tra gli altri, autorevoli figuri quali Donato Carlea, già Presidente del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, Battista Bosetti e Marco Catalano, giudice della Corte dei Conti.

Newsletter 263 -22/03/2022

BANDO BORGHI: LE DIFFICOLTÀ DEI COMUNI E IL SUPPORTO ASMEL

Sono state circa 1.800 le candidature al Bando Borghi, linea di intervento B, per realizzare progetti locali di riqualificazione e rigenerazione di almeno 229 borghi a livello nazionale. L’istruttoria si concluderà entro maggio con l’assegnazione delle risorse: fino a 1,65 milioni di euro a borgo. Seguirà un nuovo Avviso che assegnerà 200 milioni alle imprese culturali, turistiche, commerciali, agroalimentari e artigianali, di cui non è ancora chiaro se ne beneficeranno solo gli intestatari della linea b.

Il Centro di Competenza PNRR di Asmel che ha supportato in questo percorso i piccoli Comuni associati, ha notato, positivamente, una grande volontà a partecipare nonostante la complessità della candidatura che prevedeva la redazione di un format di circa 90 pagine oltre a cronoprogrammi e quadri economici dettagliati. Altro elemento critico segnalato dai Comuni è stata la creazione di partenariati pubblici e privati per interventi non ancora finanziati.   

Nonostante queste difficoltà, la voglia di guardare al futuro e alla rigenerazione e alla rifunzionalizzazione dei piccoli centri si è tinta di verde e di tecnologia. Tantissime candidature hanno presentato soluzioni per incrementare la sostenibilità (colonnine di ricarica elettrica, servizi di e-bike sharing, ecc.) e soluzioni smart per superare la scarsa accessibilità dei borghi, spesso isolato per la sua posizione, un tempo strategica. I progetti di rigenerazione in tutti i casi sono partiti dalla storia del Paese, con i suoi prodotti, usi e mestieri tipici. Alla luce del lavoro svolto e dell’impegno profuso da parte di amministratori e tecnici locali, non ci resta che auspicare evidenti riflessi positivi sui territori!

Newsletter 263 -22/03/2022

FONDO MENSE SCOLASTICHE BIO ENTRO 31 MARZO Supporto Gratuito

Tenuto conto che entro il 31 marzo le stazioni appaltanti e i soggetti eroganti il servizio di mensa scolastica biologica dovranno avanzare le istanze per l’iscrizione nell’apposito elenco per il Fondo mense scolastiche biologiche (Decreto Interministeriale n. 6401/19, art. 1, par. 2) attraverso la piattaforma del Ministero delle politiche agricole, ASMEL fornisce a tutti gli Enti soci supporto gratuito dopo aver attivato un apposito percorso di supporto formativo ai RUP che ha registrato una larghissima partecipazione. ASMEL, da sempre è attenta alla promozione della filiera corta e delle mense Bio per i Comuni aderenti e accompagna gli stessi nello sviluppo di buone pratiche e nella condivisione delle diverse esperienze maturate su tutto il territorio nazionale. Per info e supporto scrivere a fondi@asmel.eu.

Newsletter 263 -22/03/2022

FONDO COMUNI MARGINALI/AREE INTERNE 2021-2023 Supporto gratuito

In riferimento al DPCM di ripartizione del Fondo di sostegno ai comuni marginali per ristrutturare immobili comunali e concederli gratuitamente a chi si trasferisce, il Centro di competenza PNRR supporta gratuitamente i Comuni nella predisposizione dei bandi per tutte le categorie di intervento e per la registrazione e il monitoraggio sulla “Banca-dati unitaria” (Bdu) del Mef (art. 1, c. 245, Legge n. 147/2013). Si ricorda che il contributo 2021 sarà revocato se il Comune non l’avrà attribuito entro il prossimo 30 giugno. A tale verifica sarà subordinata anche l'erogazione delle annualità 2022 e 2023. In particolare, con i contributi, i Comuni potranno realizzare interventi di:

adeguamento di immobili comunali da concedere in comodato d'uso gratuito per l'apertura di attività commerciali, artigianali o professionali;

concessione di contributi per l'avvio di attività commerciali, artigianali e agricole;

concessione di contributi (fino a 5mila euro) a favore di chi trasferisce la propria residenza e dimora abituale per le spese di acquisto e ristrutturazione dell'immobile.

Per info e supporto gratuito scrivere a fondipa@asmel.eu.

Qui il Dpcm pubblicato in G.U. del 14/12/21

Qui i Comuni beneficiari e relativi contributi assegnati

Qui le FAQ aggiornate 

Newsletter 263 -22/03/2022

FONDO PROGETTAZIONE TERRITORIALE Supporto e Piattaforma gratuiti

Il Dpcm di ripartizione del Fondo progettazione territoriale pubblicato in G.U. n. 41 del 18/2 consente ai Comuni beneficiari del Centro Sud e delle Aree Interne di dotarsi di progettazioni "qualificate" per partecipare ai bandi di PNRR/FSC e fondi strutturali. Entro il 18 agosto devono indire i concorsi di progettazione e di idee, anche tramite società in house, pena la restituzione del contributo. Il Centro di competenza PNRR e la Centrale di committenza in house ASMEL Consortile, supporta i Comuni per la gestione completa dalla predisposizione dei documenti di indirizzo della progettazione, alla verifica di conformità degli studi di fattibilità tecnico-economica per i piccoli Comuni, la Piattaforma per l'esecuzione dei concorsi con Bandi tipo aggiornati; supporto tecnico/amministrativo per i bandi di progettazione anche con metodologia BIM -Building Information Modeling. Per supporto gratuito scrivere a fondipa@asmel.eu

 

Newsletter 263 -21/03/2022

ADESIONE SELEZIONE UNICA PER IDONEI ASSUNZIONI NEI COMUNI EX DL RECLUTAMENTO E PNRR - AVVISO IN GURI DAL 12 APRILE

In pubblicazione sulla G.U.R.I., IV Serie Speciale CONCORSI, n. 29 del 12/04/2022, il maxi bando di selezione unica per istituire un “Elenco di Idonei”, per vari profili professionali da cui gli oltre 60 sottoscrittori e i successivi aderenti tra gli oltre 3.800 enti soci Asmel potranno attingere senza sforzi organizzativi e secondo necessità (art. 3-bis DL Reclutamento, conv. in L. 113/2021). Da Carignano (TO) a Lucca Sicula (AG), da Radda in Chianti (SI) a Casoria (NA): una lista di Comuni, da tutte le Regioni italiane, che continua a crescere. Qui l'Accordo cui tutti i Comuni possono aderire mediante delibera di giunta, per sottoscrizione o adesione successiva, indicando di volta in volta i profili professionali di cui ci si intende avvalere tramite la scheda di rilevazione. 

L’istituto dell’Elenco di idonei consente alle amministrazioni locali di precostituire un “parco di idonei”, senza dover con loro immediatamente attivare il rapporto di lavoro, al quale attingere al momento giusto, e con oneri inseriti nei quadri economici dei singoli progetti come da circolari MEF 4/2022 e MIN. INT. 11/2022. 

Attraverso la rete ASMELAB le singole amministrazioni interessate ad attingere all’elenco di idonei sono esentate da sforzi organizzativi. Tutte le attività sono realizzate a livello di gestione aggregata, dalla indizione e dallo svolgimento delle procedure selettive per la iscrizione nell’elenco, alla comunicazione agli idonei della richiesta degli enti aderenti di dare corso ad assunzioni, la ricezione delle manifestazioni di interesse da parte degli idonei, lo svolgimento delle eventuali procedure selettive, la formazione e la comunicazione della graduatoria di merito, la gestione e l’aggiornamento dell’elenco degli idonei.

Per info e adesioni scrivere alla casella mail asmelab@asmel.eu

Newsletter 263 -21/03/2022

SCADENZARIO BANDI PNRR PER I COMUNI

Qui la Tabella degli Avvisi PNRR aperti per consentire ai Comuni di restare aggiornati sulle opportunità e le scadenze anche alla luce delle recenti proroghe dei termini di candidatura di vari bandi, da ultimo quella al 30 aprile (prima era il 31 marzo) per l’invio delle domande per contributi sulla rigenerazione urbana. Considerato che sono già stati banditi o assegnati ben 30 dei 36 miliardi di fondi PNRR destinati ai Comuni - l’83,3% del totale come si vede nelle Tabelle CGIA/ASMEL – è fondamentale saper presentare e attuare i progetti. Per poter sfruttare al meglio queste opportunità il Centro di competenza e Centrale di committenza PNRR in collaborazione con il Politecnico di Milano e con un team di esperti multidisciplinari, supporta gratuitamente gli oltre 3.800 comuni associati per l'analisi di pre-fattibilità delle idee progettuali, per le candidature ai bandi pubblicati con costruzione di eventuali partenariati pubblici e/o pubblico-privati, la verifica di compliance con le disposizioni per la gestione e la rendicontazione delle misure del PNRR, le progettazioni tradizionali e in BIM (Building Information Modeling), il project e il risk management, il monitoraggio Bdap-Mop, ecc. Inoltre, opera come Centrale di committenza in conformità all'obbligo ex art. 37 co. 4 del Codice, ripristinato, per le gare rientranti in tutto o in parte nel PNRR, dal DL 77/2021, art. 52 co. 1, da ultimo richiamato dalla Circolare Min. Interno 17 dic. erogando i servizi di gestione delle varie fasi di gara. Per info e supporto scrivere a fondipa@asmel.eu

Newsletter 263 -16/03/2022

Offerta inviata in ritardo per malfunzionamento piattaforma

TAR. In tema di gare svolte con modalità telematiche – con conseguente trasmissione dell’offerta esclusivamente in via elettronica – la giurisprudenza (…) è giunta alla conclusione che la sempre maggiore diffusione delle gare svolte con modalità informatiche (che nella Regione Lombardia assurge talora a vero e proprio obbligo per le SA, cfr. l’art. 1 c 6-ter, legge regionale 33/2007), pone in capo agli operatori una “peculiare diligenza nella trasmissione degli atti di gara” (CDS, sez. III, 2.7.2014, n. 3329), con conseguente impossibilità di addossare alla SA ogni tipo di anomalia nel meccanismo di invio e ricezione, salva la prova del malfunzionamento del sistema “pubblico” per la trasmissione delle offerte, con la specificazione che spetta al concorrente offrire un principio di prova del suddetto malfunzionamento. Nel caso di specie, tuttavia, l’omesso invio e la conseguente mancata ricezione della domanda entro le ore 12.00 dell’11.1.2022 non appaiono imputabili a malfunzionamenti del sistema, ma semmai al solo operatore partecipante.

Qui TAR Milano n. 571/2022

Newsletter 263 -16/03/2022

Giudizio di anomalia delle offerte

TAR Secondo consolidato indirizzo pretorio, il giudizio di anomalia delle offerte presentate in una gara è ampiamente discrezionale e costituisce espressione paradigmatica di discrezionalità tecnica, sindacabile solo in caso di macroscopica illogicità o di erroneità fattuale che rendano palese l’inattendibilità (ovvero l’attendibilità) complessiva dell’offerta. Per tale via, se è concesso il sindacato sulle valutazioni espresse dalla Stazione appaltante sotto il profilo della logicità, ragionevolezza e adeguatezza dell’istruttoria, è preclusa la possibilità di procedere ad alcuna autonoma verifica della congruità dell’offerta e delle singole voci (cosa che rappresenterebbe un’inammissibile invasione della sfera propria della P.A.) e ciò in quanto il giudizio di anomalia deve tendere ad accertare in concreto che l’offerta economica risulti nel suo complesso attendibile in relazione alla corretta esecuzione dell’appalto. Anche l’esame delle giustificazioni prodotte dai concorrenti a dimostrazione della non anomalia della propria offerta rientra nella discrezionalità tecnica dell’Amministrazione, con la conseguenza che soltanto in caso di macroscopiche illegittimità, quali errori di valutazione gravi ed evidenti oppure valutazioni abnormi o inficiate da errori di fatto, il giudice di legittimità può intervenire, fermo restando l’impossibilità di sostituire il proprio giudizio a quello dell’Amministrazione

Qui TAR Napoli n. 1580/2022

Newsletter 263 -16/03/2022

SCADENZARIO BANDI PNRR PER I COMUNI

 

Qui la Tabella degli Avvisi PNRR aperti per consentire ai Comuni di restare aggiornati sulle opportunità e le scadenze. Si ricorda che il Centro di Competenza PNRR/Centrale di Committenza ha già ottenuto oltre il 70% dei progetti idonei per i Comuni in partenariato con Università e altri soggetti istituzionali. Per i 3.800 Soci Asmel continua il supporto gratuito per l'analisi di pre-fattibilità delle idee progettuali, per le candidature ai bandi pubblicati con costruzione di eventuali partenariati pubblici e/o pubblico-privati, la verifica di compliance con le disposizioni per la gestione e la rendicontazione delle misure del PNRR, le progettazioni tradizionali e in BIM (Building Information Modeling), il project e il risk management, il monitoraggio Bdap-Mop, ecc. Inoltre, opera come Centrale di committenza in conformità all'obbligo ex art. 37 co. 4 del Codice, ripristinato, per le gare rientranti in tutto o in parte nel PNRR, dal DL 77/2021, art. 52 co. 1, da ultimo richiamato dalla Circolare Min. Interno 17 dic. erogando i servizi di gestione delle varie fasi di gara. Per info e supporto scrivere a fondipa@asmel.eu

Titolo

torna all'inizio del contenuto